Navigazione veloce

Battuta di San Martino a Santa Barbara

Un’allegra e rumorosa brigata formata dalle classi prime, seconda e terze della scuola Santa Barbara, ha partecipato alla tradizionale “Battuta di San Martino”, quest’anno anticipata a venerdì 10 novembre.
Nei giorni precedenti, il tempo non faceva presagire nulla di buono e le insegnanti guardavano il cielo con preoccupazione, invece la giornata ha donato uno splendido sole che ha fatto risaltare i magnifici colori della stagione… proprio la classica “Estate di San Martino” col suo tepore anche nel cuore dell’autunno.
Festanti e felici, i numerosi alunni armati di coperchi, mestoli e strumentini “fai da te”, sono partiti alla caccia di caramelle e altre golosità.
La prima tappa è stata dai compagni della scuola Zavrel che li attendevano in giardino per cantare in compagnia la canzone di San Martino. Che gioia per i bambini di prima rivedere i loro amici e le maestre della scuola dell’infanzia!
I canti sono stati all’insegna dell’allegria e dell’energia tanto che qualcuno, già in questa prima fermata, ha spezzato il mestolo necessario per suonare!
Recuperato il bottino di caramelle, il lungo serpentone ha proseguito per il panificio e poi per la scuola Bartolomea Capitanio e anche qui grande felicità nel ritrovarsi tra grandi e piccoli. Molte persone hanno donato dolcetti e quest’anno i cioccolatini sono piovuti pure dal cielo… anzi, dal terrazzo di una generosa signora. I sacchetti sono stati riempiti anche grazie ai vari commercianti della zona che hanno contribuito ad aumentare il “dolce malloppo” e ai quali va il nostro ringraziamento.
Dopo aver seminato per il quartiere la loro contagiosa gioia, stanchi e felici gli alunni sono tornati a scuola con un consistente mucchio di caramelle e con una fame da lupi!
La parte commovente di questa iniziativa è stata vedere il volto stupito delle persone di una certa età ritornare ai ricordi della loro infanzia, quando anche loro cantavano, magari tra le calli di Venezia, “…e col nostro sachetin, cari signori xe San Martin!”

Non è possibile inserire commenti.